Al principe cadetto, l’ultimo dei nove cigni stregati, la tunica di ortiche che deve disincantarlo giungerà con una sola manica: non s’è avuto il tempo di terminare l’altra... Egli conserverà tutta la vita la sua ala di cigno ; sarà uno di quegli esseri che - rari, inquietanti - serbano tutta la vita quella memoria della loro notte oscura e insieme del loro totem spirituale : una dolorosa, regale ala di cigno

Cristina Campo, Gli imperdonabili

Non v’è altra origine, per la bellezza, che la ferita, individuale, irripetibile, celata o visibile, che ogni uomo custodisce in sé e difende dove si rifugia quando vuole abbandonare il mondo per una solitudine temporanea ma profonda. Giacometti non lavora per i contemporanei né per le generazioni future: fa statue che finalmente incantano i morti.

Jean Genet, L’atelier di Alberto Giacometti

Leggera la barca mi porta

incontro all'ospite gentile,

che da gran lontananza
viene su per il lago.

Poi, nella loggia,

dinanzi a una coppa di vino,

da ogni lato i fiori si apriranno.


Wang Wei

Non venire alle prese se non con difficoltà che incontri effettivamente. Non permetterti in fatto di sentimento se non ciò che corrisponde agli scambi effettivi, o è assorbito dal pensiero a titolo d’ispirazione.
Troncare senza pietà quanto v’è d’immaginario nel sentimento.

Simone Weil, Quaderni

L’arte non sopporta teorie, generi, stili. È un discorso spontaneo, misterioso ma fatale, come lo svolgersi della nascita nel grembo materno, una facoltà naturale eterna che stupisce per la semplicità di ripetersi nel tempo come il filo d’erba.
La personalità è un tic nervoso, e l’universale non nasce dai sentimenti dell’artista, ma dall’immanenza della sostanza dell’arte.
L’artista autentico, nella creazione, esclude il più possibile i suoi sentimenti; più egli è grande, più sa contenersi, perché l’opera universale ha un solo traguardo: essere anonima; più l’opera è anonima, maggiore è l’artista che ha operato escludendosi.

Arturo Martini, La scultura lingua morta

Le lieu où nous vivons vraiement n’est pas celui où nous passons nos jours, mais celui où nous espérons sans connaître ce que nous espérons, celui où nous chantons sans connaître ce qui nous fait chanter.
La nature du grillon est d’aimer sa chanson e de s’en rejouir tellement qu’il ne cherche pas de nourriture et qu’il meurt en chantant

Christian Bobin, Le très bas

Molti non immaginano che la pittura possa essere dichiarazione di un uomo che la pensi altrimenti.
Se potessero capire questo cinese dei nostri quadri,essi leggerebbero allora dentro la tristezza dei giorni e sentirebbero nel quadro liberazione e rinuncia.

Emilio Vedova, La pittura come scelta

Noialtri pittori abbiamo diritto alla stessa libertà dei poeti e dei folli

Paolo Veronese

Svegliati! Fiore delle foresta,
cielo che cammina,
uccello di pianura.

 

Non vedi il fiotto rosso del mio sangue
correrti incontro
come un torrente nel fitto della macchia
in una notte magica di luna?

 

Guardami,
guarda il rosso tamburo del mio cuore

Algonkin Chippewa

Nel silenzio contemplo, infante, sans mot dire
non parlo, bambino
Bambino ho offerto e dato al mondo, ricevuto,

lasciato andare
Adulto infante contemplo, le rouge c'est moi

qui donne, c'est moi qui le donne, l'umanità
bambina, quale donna ricevo. E la luce est
tout autour de moi, ciò che lascio conservo,

parure dorée, pagliuzze dorate i miei cigli, rossa
la tunica spoglia, orizzonte del tempo, presente,
prezioso turchese o mare
margine soglia, o spiaggia, approdo al largo
a te torno, svestita, spoglia, piccola, piccola infante,

après avoir tout reçu, je ne garde rien, parure
de joie, rosso fiamma, capelli di luce, calda
vita io offro bambina

Giovanni Polito

© 2023 By Henry Cooper. Proudly created with Wix.com

  • SM Facebook
  • Black Icon Flickr
  • SM Pinterest

simo.martini@bluewin.ch       Tel: 00 41 (91) 606 35 39

simonettamartini.com / simonetta martini arte ©2018